Pancakes? Yes, we can!

La ricetta di questo mese è un’americanata, nel vero senso della parola: pancakes! Piatto tipico delle colazioni made in USA (o così ci piace pensare), tanto tipico che anche Paperino le prepara ai piccoli Qui, Quo e Qua! In realtà sono diffusi un po’ in tutto il mondo, con varianti più o meno modificate, e sono quasi sempre disponibili nella versione dolce e in quella salata. Una curiosità? Per inglesi e irlandesi, il nostro Martedì Grasso è diventato Pancake Day: un astuto modo di legittimare “mille” calorie e di esserne pure fieri!
Proviamo una cosa nuova, per una volta: abbiamo deciso di non dirvi come condirli e lasciarvi scoprire tutti i deliziosi abbinamenti possibili (dolci o salati). Ultimo accorgimento: i pancakes vanno assolutamente cotti e mangiati, non si possono preparare la sera per la mattina. Probabilmente diventerebbero come dei sottobicchieri di gomma, e noi non abbiamo mai osato aspettare quel momento! Forse può essere anticipata la preparazione della pastella alla sera prima, ma ci teniamo a raccomandarvi di cuocerli e mangiarli subito. E su, una bella pila di pancakes per partire!

 

Ingredienti:

(per 6-8 pancakes medio-grandi)
– 150 g di farina
– 3 cucchiaini di zucchero
– 1/2 cucchiaino di sale
– 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (*)
– 240 g di latticello (**)
– 1 uovo
– 40 g di burro fuso e lasciato raffreddare
– Olio di semi o burro per la padella

Setacciare la farina e mescolarla con zucchero, sale e bicarbonato. A parte, sbattere l’uovo con il burro, poi aggiungere il latticello e mescolare bene. Unire la parte liquida a quella solida: partite versando poco per volta e mescolando bene, poi continuate ad aggiungere. Non importa se rimane qualche grumo di farina: anzi, pare faccia parte della ricetta!
Scaldare la padella con un goccio d’olio o di burro (spalmatelo sulla padella con della carta assorbente e ripetete l’operazione per ogni pancake). Quando è ben calda, versare un mestolino di impasto nella padella e non toccare per circa 3 minuti. Quando inizia a fare delle bolle al centro, girare il pancake (deve risultare bello colorito sotto) e lasciar cuocere altri 2-3 minuti.
Ripetete fino a esaurimento, poi sbizzarritevi a provare abbinamenti sempre diversi per condirli! Sono ottimi anche come merenda o come dessert a fine pasto.

(*) Il bicarbonato è un lievito, ma meno chimico del classico lievito per dolci. Così, la lievitazione sarà più delicata e regolare.
(**) In questo caso: 110 g di yogurt bianco intero, 130 g di latte e qualche goccia di succo di limone (solitamente: metà latte e metà yogurt, più il limone). Aiuta la sofficità e grazie all’acidità si agevola la lievitazione.

Eleonora SerenVeronica Albarello

Annunci

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...