Lucy: la digievoluzione della specie umana

Venghino, signori, venghino. La saga del trash è iniziata. Ma siamo nella rubrica dei film, quindi iniziamo dalla trama. Lucy, giovane e avvenente americana si è trasferita a Taipei non si sa bene perché (in realtà potete pure immaginarvelo, anche se io a quello scopo avrei scelto un Paese un po’ più prestante, però de gustibus non est disputandum). Un ragazzo conosciuto a un rave la ammanetta a una ventiquattr’ore e lei diventa preda dei trafficanti di una nuova droga. Dopo varie vicissitudini si ritrova con un pacchetto di droga nella pancia, ovviamente questo si rompe e da qui inizia la digievoluzione. Lucy si contorce e ulula. Dopo cinque minuti è diventata una super donna il cui cervello continua a evolvere. Vede cose che voi umani mai vedrete. Sente e percepisce il mondo intorno a lei.Ed ecco che Morgan Freeman entra in scena, noto professore di biologia e specializzato nella ricerca sul cervello. Lucy si mette in contatto con lui e, grazie ai suoi nuovi poteri, lo convince a riceverla. Il viaggio Taipei-Parigi non fu mai così complicato. La droga spinge una Lucy che si sta polverizzando nel bagno dell’aereo dove finalmente è libera di implodere e rigenerarsi. A Parigi viene catturata dalla polizia, ma grazie al suo fascino ne convincerà il capo a fare una strage di innocenti nella Ville Lumière. Arrivata dal prof. Norman, Lucy è pronta a rivelare i segreti dell’universo, dalle sue origini alla sua fine. Inizia così un processo di backup. Collegata a quattro flebo della nuova droga, Lucy inizia a trasformarsi in una materia nera. Alla fine di questo lungo processo la bella Scarlett si trasformerà in un computer di nuova generazione (dal design molto simile alle due torri de Il Signore degli Anelli). In tutto ciò i trafficanti taiwanesi rivogliono la loro roba indietro e ingaggiano uno scontro a fuoco, 25 a 4, contro la gendarmerie parigina. Diventata un computer, Lucy deve passare la sua infinita conoscenza a Morgan Freeman, e quale modo migliore per farlo se non trasformarsi in una chiavetta usb nera con la galassia stampata sopra?

Marta Negri

Annunci

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...