Elena missing – ma va bene così

Cara Elena Ferrante,
voglio dirti che nemmeno mi interessa sapere se ti chiami davvero così o se invece il tuo nome è Anita o, perché no, Domenico – per anni mi sono imposta di non sapere che faccia avessero i miei scrittori preferiti, quindi figurati se ho problemi con il fatto che tu non abbia mai mostrato il tuo volto in pubblico o che dietro al tuo nome si celi una persona completamente diversa. A queste cose si può sopravvivere e comunque non ho altro da aggiungere sul tuo conto.

Ma è successa una cosa curiosa: Saviano ti ha candidato allo Strega per disfare il solito schema del premio e tu hai accettato la candidatura; adesso non si può, non si riesce a parlare d’altro e la gente sta impazzendo, letteralmente. Ma la maggior parte non lo fa per quanto hai detto in quella risposta pubblicata su Repubblica – e i modi algidi con cui ti sei staccata dalla tua opera al momento della sua pubblicazione, la presunzione nella denuncia all’irriformabilità dello Strega comprovata da una tua mancata vittoria, o l’indifferenza verso meccanismi e manovre che non ti toccano –, assolutamente: lo fa perché vorrebbe sapere chi sei. C’è persino chi decide di mettersi sulle tue tracce per ricavarne un documentario, chi rilascia su carta stampata interviste trovate per caso in un cassetto o apre finti account Facebook a tuo nome, il tutto soltanto per avere brandelli di te sempre più reali, sempre più afferrabili e vicini, come tu non sei mai stata. Allora è in questi casi che mi verrebbe da lasciar perdere tutto e consigliare a te di fare altrettanto, ma purtroppo la macchina si è già messa in moto. E la cosa più fastidiosa di questo polverone di parole molto spesso pronunciate a sproposito è che si rischia di dimenticare la vera e genuina bontà dei tuoi libri.

Perché, parliamoci chiaro: tu sei la prova vivente di quanto l’esposizione di uno scrittore non sia strumento necessario alla fortuna dei libri che scrive. Tu ti sei forzatamente e consapevolmente privata di una categoria negando al nome un corpo, il tutto a favore di opere con copertine raffiguranti (fatalità) donne senza volto, di spalle, che sembrano guardare dentro all’opera e suggerirci che, forse, la Elena che tanto cerchiamo è sempre e solo stata lì. Ed è proprio in virtù di questa sottile complessità di strategie letterarie che spontaneamente mi verrebbe da chiederti: perché ora uscire dagli schemi che hai così abilmente architettato e seguito per più di vent’anni?

Sarebbe fastidioso scoprire che di un altro teatrino si tratta. Ma io sono soltanto un’altra voce che si aggiunge al coro.

Veronica Albarello

Annunci

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...