Dici «Parigi» e il web si scatena

Dopo i fatti parigini del 13 novembre, la rete si è scatenata in un tortuoso turpiloquio di opinioni e commenti, pensieri sragionati e violenze verbali, impressioni pacate e facili deduzioni. Intorno a questa tempesta informativa non sono riuscito a resistere dall’evidenziare alcune categorie sociali, mie invenzioni stereotipate, che spero rendano comunque l’idea di quali animali sociali siamo diventati. In un’ottica 2.0, ovviamente.

IL FONDAMENTALISTA INVERSO: è il grande risolutore. Per il Fondamentalista Inverso l’unica alternativa alla violenza è la violenza stessa. Una diffusa legge del taglione dei tempi moderni. Grande esperto di geopolitica, di solito inizia le sue argomentazioni con: «Ah, se fosse per me…». Tuttologo di professione, sterminerebbe tutti i musulmani del pianeta senza distinzione di provenienza, etnia o colpa effettiva: in cifre, 1,3 miliardi di persone, circa un quarto della popolazione mondiale. Parolaio.

IL FALLACIANO: meno estremista del Fondamentalista Inverso, il Fallaciano fa parte del fan club di Oriana Fallaci, di cui condivide la concezione del mondo islamico. Il più delle volte non sa nemmeno chi sia questa giornalista di cui tutti parlano, ma fa estremamente “figo” dare una parvenza letteraria alla propria argomentazione. Spesso si trova in accordo con le idee del Fondamentalista Inverso, al quale si appella quando gli viene riferito che la Fallaci è morta da diversi anni e le sue idee sono state trasformate in “sfottò” su Facebook. Profetico.

L’EUROCENTRICO: vittima del pensiero occidentale contemporaneo, l’eurocentrico è afflitto dalla tragicità dei fatti commessi a Parigi, ma non permette alla rabbia di montare. Almeno in un primo momento. S’informa, legge quotidiani e notizie per inquadrare il problema, le cause e le possibili conseguenze. Però si ferma lì. Non va oltre. Piange le vittime francesi, ma non si indegna per la guerra che infuria in Medio Oriente. Non sa che le 130 vittime di Parigi sono solo una piccola parte del numero complessivo di morti che il fondamentalismo, la guerra civile e gli scontri religiosi stanno causando in Siria, Iraq e molte nazioni africane. L’Eurocentrico non vede oltre il suo naso. Vittima involontaria di un sistema mediatico monodirezionale. Paraocchi.

IL COMPLOTTISTA: è quello dei cerchi nel grano fatti dagli alieni, del mistero irrisolvibile delle palline di cotone  nell’ombelico. Vede la CIA e l’FBI dietro ogni cosa. Gli attentatori di Parigi, infatti, non sono altro che delle pedine nostalgico-comuniste che vogliono restaurare il blocco sovietico facendo ripiombare il mondo ai tempi della Guerra Fredda. Primo follower di Edward Snowden su Twitter, il Complottista passa le sue giornate riempiendo la sua bacheca Facebook di notizie complottiste tratte da fonti complottiste nate da menti complottiste. Siamo circondati!

IL FERVENTE CRISTIANO: dall’alto della sua misericordia, prega le vittime della strage invocando l’inferno per tutti gli infedeli. Depositario del giudizio divino, si siede alla destra del Padre mostrando il pollice verso nei confronti di chi non merita di essere compatito. Nostalgico dei tempi delle crociate, partirebbe immediatamente per la Palestina con spada e scudo. Nascosto dietro al perbenismo della fede, il più delle volte finisce col trasformarsi nel Fondamentalista Inverso. Paolo Brosio.

IL MURATORE: parente stretto di Victor Orbán, primo ministro ungherese, al Muratore piace costruire barriere, nascondersi dietro ai mattoni. Meno violento rispetto al Fondamentalista Inverso, ma più istintivo del Fallaciano, il Muratore vive nella paura di essere invaso. È quello che a Risiko ha pochi territori ma sempre inespugnabili, meglio se situati in Europa o America del Nord. Ma così come uno scoglio non può arginare il mare, nemmeno i suoi muri potranno mai arrestare i flussi migratori che caratterizzano la storia dell’uomo sin dai suoi albori. Appena si accorge che il mondo è destinato a meticciarsi fino al midollo, si rifugia nella fede (vedi la voce: Fervente Cristiano). Another brick in the wall.

Riccardo Vincenzi

Annunci

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...