Come saltare la sessione e vivere senza vergogna

AAAAHH che bello eh? Siamo di nuovo a settembre. Ogni anno sembra che questo odiato mese non debba arrivare mai e invece, quando meno te lo aspetti, mentre ti godi il sole estivo eccolo che arriva, come un martello ad incudine tra capo e collo, freddo e ventoso, cavalcando su uno scheletrico destriero sussurrando le parole sessione autunnale.

All’improvviso ti chiedi se vivere abbia un senso, se quella laurea è proprio necessaria, se potessi stare solo un altro paio di settimane nella bambagia della nullafacenza. Neanche a dirlo: se non sono i tuoi amorevoli genitori a ricordarti con santa costanza che o prendi la laurea o quella è la porta, sarà il lacerante senso di colpa a costringerti a metterti faticosamente sui libri per guadagnare quei pochi, faticosissimi e sudaticci CFU che ti mancano al traguardo dei 180. Non ti preoccupare, non qui per dissuaderti dal prendere una laurea o dal dare esami nella sessione di settembre. Assolutamente no. Sono qui per dirti che magari dare cinque esami in due settimane è poco fattibile e pure poco salutare. Arrendersi all’inevitabilità della sessione non è comunque un segno di sconfitta, quanto di pragmatico scendere a patti con la realtà che ci circonda. Il tempo uggioso e il suono dei tuoni ti aiuterà a smantellare il buonumore da tintarella per tornare nei meandri oscuri della Frinzi, luogo di abbandono popolato di anime stanche alla ricerca di crediti. Un luogo che Dante levati proprio. Quindi vada e non cincischi, caro lettore o cara lettrice, perché finisce che poi se ne pente. 

Luca Ortolani

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...