Quattro categorie approssimative di studente UniVr, tanto per ingabbiarvi (quasi) tutti negli stereotipi.

Il Risvoltato
Pantaloni tirati su manco fosse Sampei, scarpe da sborone, camicetta, capello corto tattico e andiamo a comandare con lo spritz — rigorosamente all’Aperol — dei bar vicino all’uni. Campione di aperitivi senza olive, proclamato Pistacchietto dell’anno 2018/19.Probabilmente studia economia e gli riesce pure bene, ma non fatevi tradire dall’apparenza: i mercoledì sera li passa al Berfi’s, mica in Freeenzieee.

La social media manager
L’evoluzione del pollice opponibile e i progressi della tecnologia hanno realizzato gli scenari fantascientifici più proibiti che Black Mirror spostati proprio: signori e signori, ecco a voi l’incontro tra l’uomo e la macchina, il distopico prolungamento della mano… LA STUDENTESSA CON LO SMARTPHONE.
Sempre incollata, in qualunque momento: lezione, mensa, biblio, pausa, cesso, nanne. Come riesca a passare gli esami nessuno lo sa.

Il fantasma
Antiche leggende da matricole narrano di averlo avvistato al test d’ingresso, altre alle prime lezioni di ottobre. I più audaci sostengono di averlo incontrato agli esami e averci pure scambiato quattro chiacchiere. Non sanno confermare se era davvero lui. La verità però è sicuramente una: lo studente fantasma, molto probabilmente non frequentante — più probabilmente solo cazzaro — non s’è da vedere, né ora né mai.
Per i più nerd, una versione umana di “Trova Waldo”.

La secchiona
No, non ha necessariamente le trecce, gli occhiali e le lentiggini, ma resta sempre stronza forte. Sarà sempre la prima ad arrivare in classe, registrerà qualunque presa di fiato del prof a lezione e correrà immediatamente a casa per sbobinare tutto.
TUTTO. Anche il respiro del prof.
Una volta che l’avete individuata, cominciate fin da subito a prenderla a palline di carta — meglio se premasticate e sparate con la cerbottana —, che tanto gli appunti col cazzo che ve li passa gratis.
25€ minimo, no pagamenti in natura.

Lara Romeo

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...