Che bbbello essere gggiovani in Italia

Bimbiminkia, mammoni, sdraiati, schizzinosi e generali nullafacenti. Negli anni siamo stati abituati a essere appellati nei modi più colorati.  Spesso e volentieri poi queste parole venivano lanciate in giro da quei soggetti che avrebbero dovuto migliorare le cose: magari tendendoci una mano per tirarci fuori dal precariato o dalla cameretta della nostra infanzia.

Continua a leggere

Manuale per la sopravvivenza ignorante: sei cose che vorrei mi avessero detto quando ero una matricola

1.Salta le lezioni

Iniziamo male, lo so. Il mio obiettivo non è la corruzione della gioventù, giuro. Tanto in realtà nella propria carriera accademica accade di solito molto presto di capire che alcune lezioni sarebbero meglio spese a fare qualcos’altro, qualsiasi altra cosa. Alla fine di quarantadue ore di uncinetto almeno avete delle graziose babbucce per esempio.

Continua a leggere

Sui massimi sistemi della noia che fa discutere ancora di famiglia tradizionale come se fosse una cosa che esiste davvero

Gaio: ciao, [Sigh]. Secondo te non dovremmo dire qualcosa sul Congresso delle famiglie? È un argomento importante: forse dovremmo scrivere un articolo.

[Sigh]: Sì, Gaio. Forse dovremmo. Ma l’idea di mettere giù altri quattromila caratteri su come l’omofobia e il sessismo siano cose brutte nel 2019 mi fa gonfiare le balle a mongolfiera e prendere il volo.

Continua a leggere

Brexit: glossario (semi-serio) per principianti

Confessione: amo sia le analisi politiche che le fail compilation, quindi ovviamente la Brexit è una mia assoluta passione. Dopo due estenuanti anni di crescendo, finalmente l’intero processo è in procinto di entrare nel suo vivo e quando succederà sarà utile avere una pratica guida orientativa. Quindi permettetemi di sfruttare le ore passate ad ascoltare gli ORDHAR! superinglesi dello speaker della House of Commons (quell’uomo mi rallegra le giornate) e offrirvi qualche spunto. Ovviamente tale guida però ha due evidentissimi limiti: una scarsa serietà (perché la serietà mi costringerebbe all’empatia e allora sarebbe per tutti solo una valle di lacrime) e un  moderato approfondimento. Perché la Brexit è un problema complesso, dannatamente complesso.

Continua a leggere

Soy Boy: gomblotto sulla feminilizzazione della società occidentale

Viviamo in tempi strani. Tempi di grandi cambiamenti sociali e culturali, di rivoluzioni di pensiero accelerate dall’altissima connessione tra le persone, tempi in cui possediamo migliaia di dati nel palmo della mano. Ma proprio per questo sono anche tempi in cui le posizioni si polarizzano, l’informazione viene usata come strumento di controllo di massa e anonimi volti persi nell’universo dell’internet provano a convincerti che la soia sta cancellando l’uomo occidentale.

Continua a leggere