L’Esu ti aiuta, ma non troppo

L’ESU è una delle istituzioni più importanti nella vita degli studenti dell’Università di Verona: gestisce la mensa, gli alloggi, offre numerosi sconti su eventi culturali e da un po’ di tempo aiuta anche dal lato psicologico; offre infatti un aiuto a tutti coloro che ne avessero bisogno, ben sapendo quanto lo stress universitario possa influire sulla sanità mentale dei poveri studenti sotto sessione. Chi del resto non ha mai pensato di mollare tutto per darsi all’allevamento di conigli nani pur di non doversi presentare per la quarta volta allo stesso esame?
Continua a leggere

Annunci

Recensione Trash: Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto

Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto non è il riassunto dell’impresa di uno stalker intraprendente, bensì il titolo del libro trash che ho deciso di recensire. Il romanzo di Kirsty Moseley però non è solamente pessimo, ma anche offensivo.
Continua a leggere

Recensione (trash): Sirene napoletane

Chi non ha mai visto un episodio di Mermaid Melody o di H2O? Oppure chi non ha sognato a occhi aperti con la Sirenetta? Eppure qualcosa mancava, nessuna di queste storie riusciva a dare il giusto input al pubblico italiano. Ma non preoccupatevi, la Rai ha trovato la soluzione: sirene napoletane. Ebbene sì, si è arrivati anche a questo. Il mix perfettamente trash e disagiato tra telenovelas di bassa lega, stereotipi sulle sirene e una serie comica che in verità fa più piangere che ridere. Immaginate Ariel che invece di cantare “In fondo al mar” si diletta in canzoni neomelodiche in stile Boss delle cerimonie. Continua a leggere

George R. R. Martin è il nuovo Tolstòj

Chiunque abbia studiato letteratura ha sentito parlare di Lev Nikolàevič Tolstòj. Meno conosciuto agli studiosi, ma sicuramente famoso nel mondo del fantasy moderno, è invece George R. R. Martin, che ha raggiunto la fama mondiale grazie alla Saga del Fuoco e del Ghiaccio, più comunemente conosciuta come “Il Trono di Spade”, da cui hanno tratto una serie tv che questo luglio ha impedito a tutti gli universitari che ne sono fan di mantenere una media alta o di avere una vita sociale. Ma cos’hanno in comune questi due straordinari scrittori? Il primo è russo, nato nel 1828 e conosciuto per quelli che sono ormai ritenuti grandi classici, che indagano sul mondo della Russia dell’epoca, tra isbe contadine e palazzi signorili. Il secondo è statunitense, nato nel 1948, e al contrario ambienta i suoi racconti in un mondo a noi estraneo: Westeros, in cui draghi e non morti fanno parte non solo delle leggende, ma anche della vita reale. Continua a leggere

Perché abbiamo bisogno di Wonder Woman

È arrivato da pochi giorni l’adattamento cinematografico di Wonder Woman, personaggio a cui non servono introduzioni. Da anni siamo abituati a vedere i nostri personaggi preferiti scappare dalle statiche pagine dei fumetti per prendere vita nei film. Che siano vecchie serie televisive o nuovi blockbusters, la cosa ormai non ci sorprende più, e dopo molti flop si è giunti a una ricetta perfetta per un cinecomics di successo. Un misto di realtà e finzione, ma mai senza esagerare, altrimenti si rischia il ridicolo (i film di Batman con George Clooney ne sono uno sfortunato esempio). Continua a leggere