Sui massimi sistemi della noia che fa discutere ancora di famiglia tradizionale come se fosse una cosa che esiste davvero

Gaio: ciao, [Sigh]. Secondo te non dovremmo dire qualcosa sul Congresso delle famiglie? È un argomento importante: forse dovremmo scrivere un articolo.

[Sigh]: Sì, Gaio. Forse dovremmo. Ma l’idea di mettere giù altri quattromila caratteri su come l’omofobia e il sessismo siano cose brutte nel 2019 mi fa gonfiare le balle a mongolfiera e prendere il volo.

Continua a leggere

Annunci

Vieni a ballare in Puglia

Questo articolo vota «sì» al referendum del 17 aprile sulle trivelle. Se vuoi leggere il «No», CLICCA QUI.

Perché votare «sì»? Qualcuno magari se lo sta chiedendo. Forse altri non sanno nemmeno dell’esistenza di un referendum abrogativo. Se volete, potrei spiegarvi in breve il motivo del voto: Continua a leggere

50 sfumature di Expo

Expo sì, Expo no. L’Italia si divide, un’intera nazione in preda all’indecisione. A seconda della parte ideologica che si decide di sposare, si viene inevitabilmente etichettati. Essere a favore significa in primo luogo sposare la politica del premier Renzi, che, forte della sua individualità cerca di imporsi sugli altri puntando al rilancio economico dell’Italia attraverso pillole di stile e visibilità mediatica. Continua a leggere