Quattro categorie approssimative di studente UniVr, tanto per ingabbiarvi (quasi) tutti negli stereotipi.

Il Risvoltato
Pantaloni tirati su manco fosse Sampei, scarpe da sborone, camicetta, capello corto tattico e andiamo a comandare con lo spritz — rigorosamente all’Aperol — dei bar vicino all’uni. Campione di aperitivi senza olive, proclamato Pistacchietto dell’anno 2018/19. Continua a leggere

Sui massimi sistemi della noia che fa discutere ancora di famiglia tradizionale come se fosse una cosa che esiste davvero

Gaio: ciao, [Sigh]. Secondo te non dovremmo dire qualcosa sul Congresso delle famiglie? È un argomento importante: forse dovremmo scrivere un articolo.

[Sigh]: Sì, Gaio. Forse dovremmo. Ma l’idea di mettere giù altri quattromila caratteri su come l’omofobia e il sessismo siano cose brutte nel 2019 mi fa gonfiare le balle a mongolfiera e prendere il volo.

Continua a leggere

50 sfumature di Expo

Expo sì, Expo no. L’Italia si divide, un’intera nazione in preda all’indecisione. A seconda della parte ideologica che si decide di sposare, si viene inevitabilmente etichettati. Essere a favore significa in primo luogo sposare la politica del premier Renzi, che, forte della sua individualità cerca di imporsi sugli altri puntando al rilancio economico dell’Italia attraverso pillole di stile e visibilità mediatica. Continua a leggere