How to get away with a party

Se c’è una cosa per cui la Spagna è rinomata, paella e sangria a parte, è la fiesta. Di fatto qui ogni occasione è buona per festeggiare e ci sono vari modi per farlo, ma in particolare esistono quattro fasi nella tipica serata spagnola che ogni studente Erasmus ha provato almeno una volta… o almeno dovrebbe provare. Avvertenze: potrebbe contenere stereotipi, ma neanche tanto. Continua a leggere

Ciao Perù, giusto un paio di impressioni (tra virgolette)

Ho deciso di partire per il Perù perché non potevo andare da nessun’altra parte. Poco male in realtà: è sempre stato un mio sogno, ma di quelli che pensi realizzerai in un futuro più futuro di adesso. Biglietto a/r zero programmi, appena mi sono ripigliato dalle feste post-laurea ero già in aereo, con qualche postumo a chiedermi perché tutt’intorno a me parlassero francese (la compagnia era francese).

Continua a leggere

Animali da Erasmus e come spottarli

Spoiler alert: se volete partecipare a un Erasmus perché convinti di cambiare aria e poter conoscere persone mentalmente più stabili dei vostri attuali compagni di corso, sappiate che  neppure la varietà della fauna studentesca all’estero delude. Volendo riservare a voi il piacere di riconoscere i veri e propri casi limite, posso però indicarvi i tipi di studenti più facili da incontrare  studiando al extranjero: Continua a leggere

Bye bye buddy!

Il 29 marzo il Regno Unito ha ufficialmente avviato le procedure per la sua uscita dall’Unione Europea consegnando la lettera, firmata il giorno prima dalla premier Theresa May, con la quale il governo di Londra comunica al presidente del Consiglio Europeo, il liberale polacco Donald Tusk, la volontà di ricorrere all’applicazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona. L’articolo in questione regola appunto l’uscita volontaria di un paese membro dall’Unione, e la sua applicazione non aveva avuto precedenti. Continua a leggere